Menù

[ Research project ]




STUDIO DELLE AREE POLARI

 

[Studio delle aree polari]



Studio dei processi di trasporto e degli scambi tra i comparti terra-mare-aria allo scopo di individuare le sorgenti e i processi che influenzano la composizione chimica degli aerosol in aree polari e l'interazione di questi con acque marine, neve e ghiacci. Valutazione dell'impatto dei cambiamenti climatici in ambienti estremi e del possibile scioglimento del permafrost con conseguente rilascio di varie componenti.
Distribuzione areale dei sedimenti nel mare di Ross: valutazione delle alternanze di sedimenti marini e glacio-marini su scala temporale.
Laghi subglaciali: caratterizzazione geochimica di acque e sedimenti e interazione con l'ambiente marino.

Caratterizzazione dei ghiacciai e valutazione della loro evoluzione in rapporto ai cambiamenti climatici.
Individuazione delle aree sorgente del particolato atmosferico che raggiunge le aree polari e valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria.
Caratterizzazione delle masse d'acqua oceaniche con particolare riferimento alle acque di neo formazione. Valutazione delle interazioni di tali masse con la circolazione globale.
Ricostruzione dell'evoluzione del clima a varie scale sulla base della variazione di alcuni parametri chimici. Individuazione di eventi particolari che consentano collegamenti con altri archivi ambientali.
Caratterizzazione geochimica di laghi subglaciali e comprensione della loro interazione con la componente marina.

Analisi di campioni di sedimento marino antartico per la determinazione di elementi in traccia (in particolare Terre Rare e altri elementi) per la caratterizzazione geochimica dei campioni. I dati ottenuti sono stati elaborati per poter costruire mappe di distribuzione dei singoli elementi allo scopo di individuare le aree sorgente dei sedimenti. I risultati preliminari sono stati presentati all'AGU Fall Meeting 2016.
Sono inoltre stati elaborati dati di analisi di elementi in traccia di ghiaccio proveniente dal lago Vostok. I risultati preliminari sono stati presentati all'AGU Fall Meeting 2016.
Analisi di campioni di particolato atmosferico, neve/ghiaccio, acque marine di provenienza artica per la valutazione dell'impatto dello scioglimento del permafrost sui diversi comparti ambientali.