Menù

[ Research project ]




METODI GEOFISICI APPLICATI ALLA GEODINAMICA, GEOTERMIA, IDROGEOFISICA E ALL'INGEGNERIA

 

[Metodi geofisici applicati alla geodinamica, geotermia, idrogeofisica e all'ingegneria]



Il progetto include principalmente le attività di sviluppo sperimentale e metodologico delle tecniche geofisiche per la ricostruzione di modelli a piccola (subsuperficiali) e grande scala (crostale).
Inoltre le diverse tecniche offrono contributi a diversi ambiti applicativi:

  • studi sull'evoluzione delle strutture geologiche;
  • caratterizzazione di georisorse;
  • idrogeofisica;
  • valutazione della pericolosità dei diversi rischi geologici e ambientali;
  • ingegneria sismica, civile e geotecnica.

Messa a punto di tecniche dedicate a:

  • acquisizione del dato geofisico;
  • trattamento del dato geofisico;
  • soluzione del problema inverso geofisico;
  • ricostruzione di modelli geofisici.

L'attività ha conseguito risultati negli ambiti:

  1. della esplorazione della risorsa geotermica;
  2. dello sviluppo di tecniche di elaborazione dati per il trattamento di dati Georadar a rifrazione;
  3. dello studi geofisici crostali per la caratterizzazione delle strutture del bacino tirrenico;
  4. nelle attività per sisma centro italia 2016.

Per il punto 1) sono state condotte le attività inerenti al sottoprogetto dedicato alla esplorazione geotermica nell'area di Aluto.
Per il punto 2) è stata messa sviluppata ed adattata la tecnica di imaging Stacking refraction convolution section per dati georadar con applicazione alla caratterizzazione di strutture legate a collassi gravitativi profondi.
Per il punto 3) sono stati preprocessati i dati dell'asperimento sismico marino CATI nell'area dell'Arco Calabro effettuato nel 2014 ed è proseguita l'attività di ricerca e pubblicazione dei risultati del progetto MEDOC.
Per il punto 4) Attività geofisica di campo per l'acquisizione di dati utili per la microzonazione sismica dei centri colpiti dal sisma del centro Italia.