Menù


... apportare un contributo originale alla comprensione della evoluzione dell'ambiente, terrestre e marino, inteso come un sistema in equilibrio dinamico determinato da processi fisici, chimici, geologici e biologici.


STRESS - Strategies, Tools and new data for REsilient Smart Societies,

STRESS - Strategies, Tools and new data for REsilient Smart Societies, in data 21 dicembre 2016, è risultato vincitore del Bando Fondazione Cariplo 2016 - Ricerca dedicata al dissesto idrogeologico: un contributo per la previsione, la prevenzione e la mitigazione del rischio.

STRESS avrà durata biennale (con inizio il 2 maggio 2017), e coinvolge quattro unità operative:

  • l’unità capofila è l’Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali - Sede Secondaria di Milano del Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR-IDPA, Responsabile scientifico del progetto Dott. S. Sterlacchini.
Le altre unità partecipanti sono:
  • L’Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell'Ambiente CNR-IREA, Responsabile Dott.ssa G. Bordogna;
  • L’Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica CNR-IRPI, Responsabile Dott. I. Marchesini;
  • Università Cattolica del Sacro Cuore, Responsabile Dott.ssa B. Lucini.

[read more]

Dissolved gradients in thin films and its application in environmental monitoring

Meeting and events: May 5, 2017

Anthropogenic emissions have perturbed or enhanced biogeochemical cycles of many toxic substances. The fluxes between their natural reservoirs are shifting, as is their distribution in the environmental compartments. In the light of the ongoing environmental change one of the main concerns is how will their interaction and accessibility to the biota evolve. Effective and focused environmental monitoring can help elucidate the sources leading to enhanced bioaccumulation and negative effects on ecosystem and eventually human health.

Investigations of the so-called bioaccessible fractions are often hampered by their extremely low environmental concentrations, which dictate use of contamination-prone clean laboratory techniques and sensitive detection equipment. Dissolved Gradients in Thin films (DGTs) is a technique relying on the first Fick’s law of diffusion to sample labile and dissolved species in aqueous environments. The diffusion process mimics transport across cellular membrane. It is being increasingly used in monitoring of environmental pollution due to its robustness, versatility, precision and capacity to preconcentrate trace-level pollutants. We focus on mercury- and platinum group elements-specific DGTs to improve our understanding of their biogeochemical cycling. We present aqueous and atmospheric DGT applications to show their potential to monitor environmental pollution.


Paleoenvironmental research at AMGC

Meeting and events: May 4, 2017

Paleoenvironmental changes are documented at different temporal and spatial scales. Short and/or long-term effects of these modifications on the Global Earth System are characterized in the variations of biogeochemical tracers, aka proxies. These proxies reflect the specific environmental conditions present at their formation and can be used to elucidate factors triggering or resulting the paleoenvironmental change. The geological record traces the evolution of these changes through time, providing an extra dimension missing from the modern data, which can be highly useful for understanding modern environmental change.

At Analytical, Environmental and Geo-Chemistry we use a series of tracers such as elemental concentrations (Cd, Pb, PGE etc.) and isotopic ratios (D/H, 18O/16O, 13C/12C, 15N/14N, 87Sr/88Sr). They are measured on a range of substrates (e.g. meteorites, minerals, fossils, mussel-shell, teeth, seawater, plankton, ice cores etc.) to infer specific environmental parameters (such as condition of formation, temperature, acidity, salinity, CO2 level, composition, bio-productivity etc.). To address the scientific questions, innovative analytical procedures are continuously being developed using the facilities available at the AMGC and its partner universities.


La pastorizia sul Monte Fallère 5600 anni fa

Nota Stampa

L'Istituto per la dinamica dei processi ambientali del Cnr di Milano (Idpa-Cnr), in collaborazione con l'Università di Ferrara e la Soprintendenza Archeologica della Valle d'Aosta, ha pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Ecology le ricerche riguardanti la scoperta di attività stabili di pastorizia sul Monte Fallère, risalenti a circa 5600 anni fa.

[read more]

Terremoto Centro Italia del 24 agosto 2016

Insediamento del gruppo di lavoro per lo svolgimento delle indagini propedeutiche alla microzonazione sismica nelle aree interessate dal terremoto del 24 agosto 2016

Il giorno 12 settembre 2016, presso la sede operativa del Dipartimento della Protezione Civile, si è tenuto un incontro finalizzato all’insediamento del gruppo di lavoro per lo svolgimento delle indagini propedeutiche alla microzonazione sismica nelle aree interessate dal terremoto del 24 agosto 2016.

Durante l’incontro sono state individuate le zone nelle quali realizzare le acquisizioni ed è stata effettuata una suddivisione del territorio in tre macroaree: Macroarea 1 - Arquata_Montegallo, Macroarea 2 – Accumoli, Macroarea 3 – Amatrice; è stata inoltre effettuata un’identificazione preliminare delle aree di acquisizione in Umbria e Abruzzo.

Contestualmente sono stati stabiliti i gruppi di lavoro specifici secondo le attività da intraprendere in ogni macroarea.

[read more]

La mano dell’uomo sul clima? Arriva 3 mila anni fa

I primi effetti con gli incendi di biomassa innescati da attività antropiche: le prove nei ghiacci della Groenlandia. A dirlo, scienziati dell’Idpa-Cnr e dell’Università Ca’ Foscari con il progetto Erc Early Human Impact, i cui risultati sono pubblicati su Geophysical.

L’uomo potrebbe aver alterato il clima ben prima della Rivoluzione Industriale, già con gli incendi innescati tremila anni fa nelle foreste europee per fare spazio a insediamenti e campi per coltivazione e allevamento.

[read more]

Scoperto un nuovo vulcano

Potenzialmente attivo, è stato identificato in Colombia da un gruppo di ricerca internazionale di cui fa parte l’Idpa-Cnr. I risultati del ritrovamento sono stati  presentati in anteprima al‘5th International Maar Conference’ in Messico.

Escondido, questo è il nome del vulcano potenzialmente attivo individuato in Colombia, in un'area dove le manifestazioni vulcaniche erano ritenute pressochè assenti. A fare la scoperta, un gruppo di ricercatori dell'Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali del Cnr (Idpa-Cnr) di Milano e del Servicio geològico colombiano (Sgc), durante una campagna finalizzata all’esplorazione geologica e geotermica delle Ande colombiane.

[read more]

Space4Agri

How to involve stakeholders and younger generations in earth observation research and support the local agro-food sector

The general aim of the project is to address the demand for consistent and up to date information from the agricultural sector in Lombardy (Italy). S4A uses aerospace technologies, such as satellites and drones, and ICT technologies, to help local authorities and farmers monitor and manage the agro-food sector better.

[read more]