Menù

[ Missione ]




Apportare un contributo originale alla comprensione della evoluzione dell'ambiente, terrestre e marino, inteso come un sistema in equilibrio dinamico determinato da processi fisici, chimici, geologici e biologici.

I processi affrontati riguardano una scala molto ampia che comprende quelli locali e quelli che interessano l'intero Pianeta come i cambiamenti globali. Ciò richiede studi condotti in varie zone del Pianeta diversamente caratterizzate sia da fenomeni antropici che da fenomeni naturali.

La missione è comprensiva delle attività di alta consulenza scientifica verso imprese ed enti pubblici nei settori dell'utilizzo di materiali e risorse naturali, della gestione e pianificazione territoriale, della valutazione dei rischi naturali, della contaminazione chimica ambientale, dell'analisi di inquinanti presenti a livello di tracce e subtracce in matrici reali, della salvaguardia del patrimonio culturale.




L'Istituto viene costituito in via sperimentale, con decreto del Presidente, in data 18 aprile 2001 e poi confermato, pro tempore, su delibera del Consiglio Direttivo in data 17 settembre 2002. L'atto costitutivo finale è stato siglato il 16 marzo 2009. L'Istituto nasce dall'accorpamento dal Centro di Studio sulla Chimica e Tecnologie dell'Ambiente di Venezia (CSCTA), del Centro di Studio per la Geodinamica Alpina e Quaternaria di Milano (CSGAQ) e da un gruppo di personale dell'Istituto di Ricerca sul Rischio Sismico di Milano (IRRS) confluito nel CSGAQ prima della costituzione dell'IDPA stesso.

Attualmente l'Istituto ha la propria sede centrale a Mestre-Venezia, e sedi secondarie a Milano e Padova.