Menù

[ Attività di ricerca ]




Le attività preminenti dell'Istituto sono relative all'Ambiente, all'evoluzione dei sistemi ambientali e alle metodologie per lo studio e la rappresentazione dell'ambiente.

Nel dettaglio:

  • Geodinamica, morfogenesi ed evoluzione del territorio;
  • Scenari di rischio;
  • Ambienti estremi, mobilità e trasporto di microcomponenti;
  • Paleoambiente;
  • Monitoraggio e geofisica ambientale;
  • Archeometria: geoarcheologia e degrado dei manufatti;
  • Cartografia e modellistica.


La sede di Mestre-Venezia


affronta problematiche di carattere ambientale secondo l'approccio multidisciplinare, proseguendo l'attività propria del "Centro di Studio sulla Chimica e le Tecnologie per l'Ambiente". Le principali attività di ricerca riguardano lo studio della contaminazione chimica a livello planetario, dei meccanismi di trasporto e trasferimento degli inquinanti tra i vari comparti ambientali, di processi e cicli di trasformazione di sostanze chimiche nell'ambiente, la ricostruzione di fenomeni relativamente recenti e la messa a punto di nuove tecnologie di interesse ambientale anche in riferimento alle problematiche di siti inquinati. Queste attività sono state sviluppate attraverso lo studio di diverse matrici; sono stati effettuati campionamenti in zone significative del pianeta, caratterizzate da un differente grado di antropizzazione, quali la laguna di Venezia, il mar Mediterraneo, il nord Pacifico, le Alpi, l'Everest e le regioni polari. L'Istituto ha sempre affrontato i problemi ambientali in un'ottica globale dando rilevanza e preminenza all'approccio interdisciplinare. Tra i progetti in cui è stato coinvolto l'Istituto per la Dinamica dei Processi Ambientali di Venezia ricordiamo:

  • Progetto di ricerca del Sistema Lagunare Veneziano, 1994-1997;
  • PR-27/1S: Scenari di rischio per la salute umana associati alla introduzione ed alla presenza di microinquinanti organici ad alto potenziale tossico (CNR-ISS), 1998-2000;
  • CORILA: Consorzio per la Gestione del Centro di Coordinamento delle Attività di Ricerca inerenti il Sistema Lagunare di Venezia. Programma ricerca 2000-2004, linea di ricerca 3.4: "Processi Ambientali; La Contaminazione Chimica";
  • PNRA - Paleoclima e paleoambiente dalla stratigrafia chimica e fisica di carote di ghiaccio;
  • PNRA - EPICA - European Project for Ice Coring in Antarctica;
  • INRM - Ruolo della criosfera alpina nel ciclo idrogeologico.


Sede Secondaria di Milano


si articola in tre unità dislocate presso la Sede, l'Università degli Studi di Milano e il polo di ricerca CNR-Università di Milano Bicocca i cui ambiti di ricerca sono:

  • Geofisica;
  • Paleoclima e paleoambiente;
  • Mineralogia petrografia;
  • Geomorfologia;
  • Geomatica;
  • Multirischio e gestione delle emergenze da eventi naturali;
  • Georisorse del sottosuolo e del territorio;
  • Geologia strutturale e modellazione analogica.

Attività didattica, formativa e divulgativa:

  • Corsi Universitari (Laboratorio di sismologia, prospezioni geofisiche, Vulcanologia);
  • Stages (geologia, fisica e ingegneria);
  • Tesi di laurea (geologia, fisica, ingegneria e informatica);
  • Dottorati di ricerca (geologia, fisica, ingegneria ambientale, informatica);
  • Corsi e supporto a professionisti (geologi, ingegneri e operatori Pubblica Amministrazione);
  • Seminari di divulgazione;
  • Mostre;
  • Guide, libri divulgativi, carte tematiche, webgis e database on-line.


Sede Secondaria di Padova


è stata costituita nel Giugno 2002, vi afferisce personale proveniente dal Servizio Prevenzione e Protezione dell'Area della Ricerca di Padova. Attività preminenti dell'Unità sono lo studio dell'inquinamento ambientale, in relazione alla Sicurezza alimentare ed alla Conservazione del patrimonio artistico, le Emergenze ambientali derivanti da incendi civili e boschivi e la chimica analitica forense conseguenza delle numerose consulenze tecniche affidate ai componenti dell'Unità.